Google investe nella telefonia mobile

  • ForumDiscuti sul forum
  • Precedenteil 24 gennaio inaugura a Milano l'Hackathon di Cisco Live! (9.000 dollari di montepremi)
  • SuccessivoUn Italiano su 5 usa ancora il "cellulare"
Google investe nella telefonia mobile

I vertici di Mountain View sarebbero sempre più intenzionati a diversificare i propri investimenti in modo da non legare strettamente il futuro giro d'affari dell'azienda al suo attuale core business, quello dell'advertising correlato alle ricerche sul Web; tale strategia sarebbe confermata da alcune trattative intrattenute dal gruppo per entrare nel mercato della telefonia mobile.

Il gruppo capitanato da Larry Page e soci avrebbe infatti preso contatti con alcuni importanti provider, tra di essi vi sarebbero per esempio le multinazionali T-Mobile e Sprint, al fine di proporsi come nuovo operatore di tipo MVNO (Mobile Virtual Network Operator), cioè per il ruolo di operatore virtuale di rete mobile.

In pratica il piano di Google dovrebbe essere quello di appoggiarsi alle infrastrutture di rete messe a disposizione da alcuni operatori reali per commercializzare piani di telefonia mobile tramite il market place Play Store e curare la gestione diretta delle chiamate e del traffico di dati generati dai propri clienti.

Nello specifico Sprint è una compagnia controllata dalla giapponese Softbank, mentre T-Mobile è la filiale americana della tedesca Deutsche Telekom; entrambe dispongono di risorse tali da potersi permettere un rivenditore del livello di Mountain View e consentirgli di estendere il proprio business telefonico oltre il sistema operativo mobile Android.

Secondo indiscrezioni Big G avrebbe tentato di investire in un progetto simile già nel recente passato, le attività sarebbero dovute cominciare ad ottobre 2014; il fatto che l'azienda abbia continuato in ogni caso a puntare su questo settore dovrebbe rappresentare una conferma di quanto i suoi vertici siano interessati ad esso.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.