Google ed LG si accordano sui brevetti

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAziende High Tech e trasparenza
  • SuccessivoAmazon e il futuro dell'e-commerce: si sperimentano le consegne in taxi
Google ed LG si accordano sui brevetti

Mountain View e il colosso sudcoreano LG Electronics avrebbero stretto un accordo commerciale di durata decennale che permetterà alle due aziende di sfruttare reciprocamente i brevetti detenuti in modo da non dever attivare accordi specifici su singole tecnologie; soldi in meno per gli avvocati e maggiori opportunità per la creazione di nuovi prodotti.

Le due compagnie hanno collaborato spesso nel corso degli ultimi anni, si pensi per esempio allo sviluppo degli smartphone Nexus o all'utilizzo di Android come sistema operativo di riferimento sui dispositivi prodotti dal gruppo asiatico; quest'ultimo, inoltre, produce una linea di smartwatch basati sulla piattaforma Android Wear implementata da Big G.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo quanto affermato dai portavoce di quest'ultimo, il raggiunto accordo sulle licenze dovrebbe permettere ad entrambe le aziende di concentrarsi unicamente sul fattore produttività, questo perché del tutto libere dai vincoli associati ai diritti legali di sfruttamento che caratterizzano il più che dispendioso mercato dei brevetti.

In pratica, fino al 2024 Google ed LG potranno attingere ad un portafoglio comune composto da migliaia di brevetti approvati, ciò rappresenterebbe un enorme vantaggio dal punto di vista concorrenziale, soprattutto se si considera che il gruppo capitanato da Larry Page detiene ancora le tecnologia della Motorola Mobility oggi in mano alla Lenovo.

Poche altre multinazionali possono contare singolamente sulla stessa dotazione brevettuale, motivo per il quale è probabile che altre compagni che operano nel comparto High Tech (e non solo) ricorranno alla stessa tipologia di partnership per contrastare l'accordo tra Big G ed LG.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.