Google: oltre 40 mila richieste per il diritto all'oblio

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteUK: la Regina vuole la pena di morte per i crackers
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Google: oltre 40 mila richieste per il diritto all'oblio

Secondo quanto riportato da un articolo comparso sul Financial Times, da quando Mountain View ha messo a disposizione degli utenti del Vecchio Continente un modulo per il cosiddetto "diritto all'oblio", le richieste sarebbero state oltre 40 mila.

Sostanzialmente, esercitare tale diritto significa richiedere a Google la rimozione dai risultati delle ricerche di collegamenti che possano portare ad informazioni sulla propria persona, indipendentemente dal fatto che le risorse linkate esistano veramente.

Il numero di moduli inviati è sicuramente rilevante, soprattutto se si pensa che Big G ha inserito il relativo form in risposta (ed esecuzione) di un pronunciamento dei giudici della Corte Europea che porta la data del 13 maggio 2014.

Dai primi dati raccolti, sembrerebbe che la maggior parte delle richieste pervenute a Mountain View siano state inviate dalla Germania e dal Regno Unito, paesi dove vigono normative molto avanzate per la tutela della privacy degli utenti.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti