Google e Pechino alla resa dei conti

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMobile: tariffe meno care per le chiamate all'estero
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Google e Pechino alla resa dei conti

Tra attacchi hacker, istanze per la libertà di comunicazione e relativa censura, il rapporto tra il più grande motore di ricerca della Rete e il più popolato paese della Terra non è stato mai facile; lo è ancora di meno adesso che Google dovrà decidere se restare in Cina o meno.

Il 30 Giugno scorso è infatti scaduta la licenza ICP (Internet Content Provider) che viene rilasciata dalle autorità di Pechino ad un sito commerciale per poter operare attraverso la Rete del paese asiatico; a questo punto la parola passa ai burocrati di regime che dovranno valutare sul da farsi.

La decisione di Pechino però dipenderà in particolare dalle intenzioni di Mountain View, piegarsi alla dittatura e guadagnare o farsi paladini delle libertà civili? Per ora i portavoce di Google hanno fatto sapere che il motore è stato parzialmente bloccato dalle autorità cinesi.

Alla fine è comunque probabile che la licenza per Mountain View verrà rinnovata, difficilmente infatti la Cina riterrà conveniente peggiorare i propri rapporti con gli Stati Uniti per bloccare un servizio che nel paese asiatico è solo parzialmente funzionante.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.