Google prepara un aggiornamento per il suo algoritmo

Google prepara un aggiornamento per il suo algoritmo

Penguin, uno dei più importanti algoritmi che regola il posizionamento dei link tra i risultati del motore di ricerca più utilizzato della Rete, potrebbe presto subire un importante aggiornamento. Per il momento le anticipazioni a riguardo non sono numerose, mentre non pochi titolari di siti Web e SEO avrebbero già cominciato ad esprimere alcune preoccupazioni.

Come è noto, i responsabili del search engine più utilizzato al mondo non forniscono mai notizie chiare relativamente agli upgrade che vengono effettuati a carico del loro sistema per l'indicizzazione; è comunque possibile formulare delle previsioni basate su quello che è stato il comportamento di Penguin nel corso degli ultimi anni. L'ultimo ugrade risale al 2014.

Continua dopo la pubblicità...

L'intenzione dovrebbe essere quindi quella di privilegiare quanto più possibile i contenuti di qualità; nello stesso tempo l'aggiornamento potrebbe penalizzare chi utilizza tecniche come il keyword stuffing per la proliferazione delle parole chiave e il clickbaiting per raccogliere visualizzazioni a discapito della user experience in navigazione.

E' inoltre probabile che il nuovo algoritmo venga implementato con l'obbiettivo di sfavorire coloro che propongono contenuti non originali, o per meglio dire "copiati di sana pianta" da altre risorse; nel contempo vi dovrebbero essere delle novità interessanti per chi riesce a proporre link spontanei, non finalizzati ad attrarre click.

Relativamente all'ecosistema mobile, la velocità di caricamento delle pagine sarebbe ormai destinata a rientrare tra i criteri ufficialmente utilizzati da Google per il posizionamento delle risorse nella SERP, non è infatti un mistero che l'algortimo del motore di Mountain View stia diventando con il tempo sempre più mobile friendly.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.