Google prepara la concorrenza a Uber

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook Live Streaming per le aziende
  • SuccessivoFacebook sceglie HTML5 per i video, basta Flash
Google prepara la concorrenza a Uber

Mountain View avrebbe intenzione di iniziare quanto prima ad offrire un servizio alternativo a quello già messo a disposizione da Uber, la nota applicazione per il trasporto persona in ambito urbano ormai diffusa (e contestata) in buona parte del Mondo. Questa anticipazione non farebbe altro che confermare le indiscrezioni in merito circolate ad inizio anno.

In ogni caso i veicoli impiegati da Big G per questa nuova iniziativa non dovrebbero essere brandizzati "Google"; Brin, Page e soci avrebbero infatti intenzione di creare una società indipendente che sarebbe comunque destinata a rientrare nel gruppo Alphabet Inc, cioè il conglomerato che riunisce tutte le sussidiarie della multinazionale californiana.

E' comunque curioso il fatto che Mountain View voglia contrapporsi proprio ad Uber in un settore dominato da quest'ultima, soprattutto in considerazione del fatto che nel corso del 2013 la divisione finanziaria del gruppo, Google Ventures, aveva dato vita ad un fondo piuttosto cospicuo, oltre 250 milioni di dollari, proprio per finanziare la società capitanata da Travis Kalanick.

Chiaramente a Google non mancano molte delle tecnologie necessarie per avventurarsi in un'impresa del genere: l'azienda è leader nel settore mobile grazie al "Robottino Verde", dispone di una piattaforma per la mappatura universalmente utilizzata e ha investito molte risorse nell'automotive e nelle soluzioni per le driverless car.

L'idea, non ufficialmente confermata di Big G, dovrebbe essere quella di impegnare un flotta di veicoli a guida autonoma (non soltanto delle auto ma anche delle navette per gli spostamenti condivisi) per il trasporto di persone all'interno di spazi definiti, come per esempio i campus universitari, i grandi complessi aziendali e le basi militari.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.