Google Vs. UE: una sanzione anche per Android?

Google Vs. UE: una sanzione anche per Android?

L'Unione Europea ha recentemente comminato una sanzione pari a oltre 2.4 miliardi di euro a carico di Mountain View, quest'ultima infatti era stata accusata di alterare il mercato attraverso l'indicizzazione dei prodotti nel suo comparatore di prezzi. Ora però l'azienda californiana starebbe rischiando un'ulteriore multa a causa di Android.

Quando si parla di diatribe tra Big G e la Commissione Europea le dinamiche sono più o meno sempre le stesse e le indagini dei commissari sono in genere volte a chiarire quanto la compagnia approfitti della sua posizione dominante; ciò starebbe avvenendo anche nel caso del Robottino Verde, oggi il sistema operativo mobile più utilizzato al Mondo.

Secondo l'accusa Google avrebbe imposto delle restrizioni alle case produttrici di smartphone e tablet obbligando loro a distribuire i propri device con delle applicazioni preinstallate, soluzioni che in buona parte dei casi sono state realizzate dagli stessi sviluppatori di Mountain View. Tale pratica si trasformerebbe poi in un limite per i consumatori vincolati dalla presenza di App non rischieste.

Tra queste ultime troviamo per esempio il browser per la navigazione Internet Google Chrome o la piattaforma Search. Android è però un progetto Open Source che i coders di terze parti possono adattare sulla base delle proprie esigenze, ed è in particolare su questo elemento che Big G starebbe puntando per la sua difesa.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo indiscrezioni non confermate, ma riportate da alcune testate prestigiose come per esempio l'agenzia di stampa Reuters, in questo caso la sanzione prevista potrebbe essere anche più elavata di quella già subita in precedenza. E' probabile che si disporrà di maggiori dettagli a riguardo entro fine anno, quando l'indagine UE dovrebbe essere finalmente conclusa.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.