Groupon vuole il trademark di GNOME

Groupon vuole il trademark di GNOME

Chi utilizza i sistemi operativi delle distribuzioni basate sul Kernel Linux conoscerà sicuramente GNOME (GNU Network Object Model Environment), un ambiente desktop il cui sviluppo prosegue dal 1999 consenguendo risultati tali in termini di prestazioni e compatibilità da permettergli di ottenere il riconoscimento di desktop environment ufficiale del progetto GNU.

L'implementazione del progetto è stata effettuata fino ad oggi sotto il brand "GNOME", ma questo nome potrebbe presto essere destinato a cambiare per questioni di trademark; un'eventualità per certi aspetti paradossate dovuta ad una recente iniziativa dei gestori di Groupon, la nota piattaforma per gli acquisti di gruppo in Rete tramite coupon.

Continua dopo la pubblicità...

Quest'ultimo infatti ha recentemente rilasciato un terminale di cassa, in pratica un POS (Point of sale) per i pagamenti, battezzato appunto GNOME; fin qui niente di male, ci troveremmo infatti davanti ad una semplice omonimia tra due progetti completamente differenti, se non fosse per il fatto che il marchio GNOME è stato registrato dall'omonima Fondazione nel 2006.

Sostanzialmente il GNOME di Groupon sarebbe dedicato agli utilizzatori del tablet iPad, che viene gestito tramite il sistema operativo mobile iOS e non certo attraverso un distro di Linux, nel quale dovrebbero essere installate delle applicazioni appositamente concepite per l'interazione con il terminale di cassa; nulla a che fare quindi con il Pinguino.

Ora i componenti della GNOME Foundation avrebbero richiesto l'aiuto degli utilizzatori per un'apposita campagna di raccolta fondi, nel caso in cui la distriba dovesse finire in tribunale il piccolo gruppo di sviluppatori volontari si troverebbe a competere con un gruppo dal fatturato miliardario che può permettersi spese legali ingenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.