Heartbleed: più del 50% dei siti Web non è protetto in modo adeguato

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteIBM simula il ragionamento umano con Watson
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Heartbleed: più del 50% dei siti Web non è protetto in modo adeguato

Secondo i risultati contenuti in una recente ricerca svolta dagli analisti di Netcraft, ad oggi soltanto il 14% dei siti Internet coinvolti dalla vulnerabilità Heartbleed a carico della libreria OpnSSL avrebbe subito interventi sufficienti per scongiurare gli effetti di eventuali attacchi.

Per contro, ben il 57% dei siti Web attualmente attivi sarebbero ancora esposti al pericolo di essere colpiti per via della falla citata; ciò a causa di aggiornamenti eseguiti in modo erroneo se non in alcuni casi totalmente assenti.

Questo problema riguarderebbe soprattutto pagine Internet caratterizzate da volumi di traffico medio-bassi, quasi nessuno dei mille siti Web più frequentati della Rete sarebbe stato segnalato per mancanze o ritardi negli adeguamenti contro Heartbleed.

In particolare andrebbe segnalata una fortunatamente piccola quantità di siti Internet (circa il 5%) che per difendersi dalla vulnerabilità si sarebbero limitati a generare nuovi certificati utilizzando vecchie chiavi per la cifratura rendendo l'intervento effettuato sostanzialmente inutile.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.