IBM simula il ragionamento umano con Watson

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteWindows Phone 8.1 in rilascio per il 24 giugno?
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
IBM simula il ragionamento umano con Watson

Watson è un super-computer omonimo dell'assistente di Sherlock Holmes che i tecnici della IBM avrebbero realizzato con lo scopo di simulare il ragionamento umano, per la sua progettazione sarebbe stato determinanti il contributi dell'ICE (Institute for Culinary Education) di New York.

L'ICE possiede un database composto da circa 300 mila ricette a cui Watson avrebbe avuto accesso con il semplice scopo di imparare, contestualmente l'elaboratore avrebbe "studiato" alcune materie accessorie tra cui anche la chimica e la scienza dell'alimentazione.

Watson dovrebbe funzionare sulla base di due finalità: interagire con gli utenti tramite il cloud permettendo agli sviluppatori di realizzare applicazioni dedicate e, in maniera sempre più articolata nel tempo, consentire l'elaborazione di Big Data fornendo un servizio PaaS (Platform as a service) per le aziende.

Sostanzialmente questo terminale dovrebbe rappresentare un nuovo passo avanti nell'implementazione di architetture cognitive; attualmente Watson sarebbe già in grado di articolare un discorso coerente sulla base di informazioni prelevate da Wikipedia.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.