IBM vieta Siri ai propri dipendenti

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteChiusura definitiva per Btjunkie
  • SuccessivoApple è al primo posto nel mercato di portatili e tablet
IBM vieta Siri ai propri dipendenti

I vertici del colosso tecnologico IBM si sarebbero recentemente resi protagonisti di un curiosa iniziativa vientando l'utilizzo dell'assistente vocale Siri ai propri dipendenti durante gli orari di lavoro; le motivazioni di tale disposizione andrebbero oltre le semplici questioni legate alla produttività aziendale.

Siri, che è uno strumento integrato nelle ultime release del sistema operativo mobile iOS, è infatti in tutto e per tutto un prodotto delle Casa di Cupertino che funziona sulla base di un server remoto; niente di male se non fosse che la Apple è una concorrente dell'IBM.

Continua dopo la pubblicità...

Ora, che fine fa il flusso di informazioni e, in particolare, di interrogazioni dirette verso Siri? In quali database vengono archviati i dati? A questo proposito si possono fare soltanto delle ipotesi, ma la possibilità che segreti industriali di proprietà della IBM fiscano nelle mani sbagliate sarebbero tutt'altro che da escludere.

Di certo ci sarebbe soltanto il fatto che il traffico dati prodotto da Siri verrebbe gestito tramite degli appositi server funzionanti presso una sede Apple sita nella località di Maiden, North Carolina; come stabilito dalla licenza d'utilizzo dell'applicazione, Tim Cook e soci hanno la possibilità di registrare tutte le query lanciate al servizio.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.