iPhone: incoerenze nella crociata anti-porno

iPhone: incoerenze nella crociata anti-porno

La Casa di Cupertino ha recentemente dato vita ad una campagna di rimozione delle applicazioni per iPhone e altri dispositivi Apple che mettono a disposizione contenuti pornografici o, semplicemente, immagini legate al sesso e quindi ritenute inadatte a minori e famiglie.

Philip W. Schiller, primo responsabile del marketing della Apple, ha recentemente giustificato l'azione "moralizzatrice" testimoniando le segnalazioni di alcune associazioni femminili e famiglie che avevano definite degradanti le immagini proposte da alcune applicazioni.

Continua dopo la pubblicità...

Sembrerebbe però che non tutte le Apps "a luci rosse" presenti nell'App store siano state trattate nello stesso modo; nel negozio virtuale continuano a permanere applicazioni create da PlayBoy o da Sports Illustrated, mentre altri programmi di editori minori sono stati rimossi.

Secondo Shiller non ci sarebbe alcuna protezione nei confronti dei grandi editori, essi infatti metterebbero a disposizione contenuti già noti da tempo e fruibili attraverso altri canali; la vecchia pornografia è meno offensiva della nuova?

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.