iPhone sbloccato? Occhio al worm!

E' di queste ore la notizia del rapido diffondersi di un worm in grado di colpire i dispositivi Apple iPhone sui quali sia stato eseguito il cosidetto "sblocco" (aggiramento del blocco DRM) al fine di poterci caricare software non ufficiale.

Tale procedura - nota, tecnicamente, col nome di "jailbreaking" - è sempre stata sconsigliata da Apple per varie ragioni tra cui, appunto, un abbassamento del livello di sicurezza del dispositivo.

Le notizie di queste ore, purtroppo, sembrano dar agione all'azienda di Cupertino: i dispositivi sbloccati, infatti, sono le vittime di Ikee, un nuovo worm, scritto in linguaggio C, che sfrutta la connessione SSH per accedere al terminale come root mediante le credenziali di autenticazione di default. Qualora l'attacco abbia successo il worm si limita ad effettuare la sostituzione dello sfondo del telefonino (sul quale apparirà la foto di un noto cantante degli anni ottanta: Rick Astley).

Il worm, puramente dimostrativo, è opera di Ashley Towns, un giovane programmatore australiano in cerca di occupazione, che ha dichiarato di aver creato Ikee solo per ricordare agli utenti l'importanza di cambiare la password predefinita del proprio iPhone... e forse anche per farsi un po' di puibblicità.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.