ITsART: i conti della Netflix italiana

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle Analytics è "illegale" in Italia. Decisione shock del garante della Privacy!
  • SuccessivoTwitter: Musk non è soddisfatto dai numeri
ITsART: i conti della Netflix italiana

Vi ricordate di ITsART? Secondo le intenzioni di Dario Franceschini, Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, sarebbe dovuta essere la "Netflix italiana della cultura". Dopo l'annuncio il progetto era stato sì realizzato, ma senza generare un'attenzione particolare da parte dei media e degli utenti, quali ne sono stati gli esiti?

Per rispondere a questa domanda è possibile fare riferimento al bilancio riguardante il primo anno d'esercizio, documento secondo cui il servizio avrebbe maturato perdite per circa 7.5 milioni di euro nel corso degli ultimi 12 mesi. Parliamo in pratica di un valore pari alla metà dei 14 milioni di euro spesi per la realizzazione della piattaforma.

A parere dei vertici di ITsART queste cifre non dovrebbero stupire, il servizio infatti è ancora in fase di startup e potrebbe richiedere tempo prima di presentare dei conti in positivo. Ad oggi però non si conterebbero più di 200 mila utenti mentre i ricavi complessivi dello scorso anno si sarebbero assestati intorno ai 246 mila euro, 140 mila dei quali generati dalle vendita di "ticket".

Ben più consistente la voce relativa ai costi d'esercizio, arrivati a poco più di 7.4 milioni di euro. Attualmente ITsART è una società in compatercipazione tra CDP (Cassa Depositi e Prestiti), che ne possiede il 51%, e CHILI S.p.A., la stessa che gestisce l'omonimo servizio di streaming audio/video on demand, con una quota minoritaria del 49%.

Nonostante l'andamento non particolarmente brillante ITsART può comunque essere considerata un'iniziativa interessante perché nata per la promozione culturale del Paese, chi volesse testare il servizio può iscriversi gratuitamente sul sito Web ufficiale, ne esistono poi anche le versioni per i sistemi operativi mobile Android e iOS così come per le Smart TV.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti