Kaspersky si difende, nessun legame con i governi

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Kaspersky si difende, nessun legame con i governi

Kaspersky è una delle security house più note a livello mondiale, i suoi antivirus sono diffusi in tutto il mondo e fino ad ora tali soluzioni sono state considerate estremamente affidabili, tanto che alcune infrastrutture informatiche istituzionali (ad esempio quelle di governi ed enti locali) le hanno adottate per proteggersi contro minacce interne ed esterne.

Fin qui tutto bene se non fosse che Kaspersky è una società russa che ha la sua sede principale a Mosca, per il momento non vi è alcuna prova (e probabilmente non ci sarà mai) che questa caratteristica rappresenti un pericolo per chi utilizza i suoi antivirus, ma il conflitto ucraino avrebbe comunque generato alcune perplessità riguardo ad ipotetici rischi riguardanti possibili ingerenze del Cremlino.

Ogni minaccia alla sicurezza informatica dei sistemi che regolano la PA italiana va eliminata

Recentemente intervistato in tema di cybersecurity, il sottosegretario con delega alla sicurezza Franco Gabrielli avrebbe fatto riferimento all'eventualità di un programma nazionale per la dismissione di tutti quegli strumenti che potrebbero aprire un canale di attacco contro il perimetro cibernetico della Pubblica Amministrazione italiana.

Nel caso specifico non sarebbe mai stato fatto il nome di Kaspersky ma è logico pensare che di fronte ad uno scenario di guerra da cui non arrivano notizie particolarmente tranquillizzanti si voglia intraprendere la via della massima cautela. Non è quindi da escludere la possibilità che in futuro la scelta di antivirus per la PA sia destinata ad una maggiore diversificazione.

Nelle scorse ore il BSI (Bundesamt für Sicherheit in der Informationstechnik), cioè l'Ufficio Federale per la Sicurezza Informatica della Germania, avrebbe sconsigliato l'uso di software della Kaspersky. Non si sarebbe però fatta attendere la risposta dell'azienda che, oltre a sottolineare l'assenza di legami governativi, sarebbe convinta che tali affermazioni sarebbero basate su valutazioni politiche e non tecniche.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti