L'Agcom detta le regole per le reti di nuova generazione

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle taglia i rami secchi: stop alle rinnovabili, all'enciclopedia e ad alcuni servizi social
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

L'Agcom, cioè l'Autorità per la Garanzia nelle Comunicazioni, ha recentemente approvato il regolamento relativo ai diritti di installazione per le "reti di comunicazione elettronica per collegamenti dorsali e coubicazione e condivisione di infrastrutture".

Agcom

Si tratta delle NGN (Next Generation Networking), cioè delle reti di ultima generazione per le cui frequenze si è consclusa qualche mese fa un'asta miliardaria; almeno sulla carta le regole stabilite dall'authority sembrerebbero abbastanza stringenti.

Continua dopo la pubblicità...

L'Agcom ha infatti deliberato gli operatori di rete dovranno obbligatoriamente condividere tra loro le proprie infrastrutture, inoltre è stata prevista la realizzazione di un catasto delle reti nonché l'armonizzazione delle procedure necessarie per permettere agli operatori di realizzare reti a banda larga.

Obbiettivo del regolamento è in pratica quello di rendere più semplici le procedure di gestione e di ridurre i costi di realizzazione delle opere civili necessarie per la diffusione delle reti di nuova generazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.