Libero.it: una condanna per i video di Mediaset

Italia on line SRL, azienda che gestisce Libero.it, è stata condannata dal Tribunale di Milano per per violazione di diritto d'autore; il giudice avrebbe così dato ragione ad una denuncia presentata da Reti Televisive Italiane in rappresentanza del gruppo Mediaset.

IOL sarebbe stata riconosciuta responsabile della presenza non autorizzata sul portale Libero.it di circa un migliaio di video di proprietà di RTI; tra i filmati contestati vi erano spezzoni tratti da trasmissione televisive molto note come Grande Fratello, I Cesaroni e Amici di Maria De Filippi.

Continua dopo la pubblicità...

Il tribunale avrebbe dato ragione al denunciante in particolare per via del fatto che in corrispondenza dei contenuti contestati vi sarebbero stati dei collegamenti pubblicitari, IOL sarebbe stata quindi remunerata per la pubblicazione di materiali non propri.

Oltre alla cancellazione di tutti i contenuti contestati dai server di Libero.it, la condanna prevederebbe una sanzione pari a 250 Euro per ogni video e per ogni minuto di trasmissione; ancora da stabilire il risarcimento per RTI che a questo proposito avrebbe richiesto 100 milioni di Euro.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.