LinkedIn integrato in Office 365

LinkedIn integrato in Office 365

La Casa di Redmond ha deciso di integrare il social network professionale LinkedIn, di cui è proprietaria, nella suite per la produttività Office 365. Le funzionalità così disponibili saranno quindi accessibili tramite lo strumento denominato "Resume Assistant" che serve appunto per la creazione di "Resume", in pratica dei Curriculum Vitae.

La disponibilità di questa nuova feature potrebbe rivelarsi particolarmente comoda per chi desidera candidarsi per una posizione lavorativa o inviare una presentazione basata sul proprio C.V., tutte queste informazioni potranno essere prelevate direttamente da un account LinkedIn senza la necessità di doverle riscrivere da zero.

"Resume Assistant" non si limiterà ad offrire quanto già presente nel profilo dell'autore, ma si comporterà come un vero e proprio "assistente smart" fornendo suggerimenti mirati tramite dati estratti dai contenuti di account simili; saranno poi disponibili consigli sulle competenze da indicare nel "resume" sulla base dell'ambito professionale di riferimento.

Interessanti anche le funzionalità dedicate alla pesonalizzazione, grazie alle quali si potrà adattare il proprio C.V. a seconda dei destinari, in questo modo il numero di utenti interessati potrebbe essere molto più ampio. Questa e le altre feature, così come i contenuti di LinkedIn, compariranno in una sidebar posizionata alla destra del documento che si sta realizzando.

Continua dopo la pubblicità...

Per il momento l'integrazione tra LinkedIn e Ms Word di Office 365 viene fornita come tool sprimentale esclusivamente agli utenti che hanno aderito al programma Windows Insider per i test, è quindi probabile che prima del suo passaggio alla fase di general availability possa essere necessaria ancora qualche settimana.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.