Mark Zuckerberg in Italia per parlare agli studenti

Mark Zuckerberg in Italia per parlare agli studenti

Mark Zuckerberg è stato il protagonista di un incontro durante il quale gli studenti della Luiss di Roma hanno potuto ascoltarlo e porgli delle domande; nel corso dell'evento il fondatore di Facebook ha parlato di diversi argomenti non limitandosi a discutere del proprio social network fino a proporre alcuni aspetti della sua vita privata.

Riferendosi alla sua creatura più nota, Zuckerberg ha definito Menlo Park una media company fondata sulla tecnologia, uno spazio nel quale le condivisione delle informazioni non determina una sovrapposizione tra i diversi canali di diffusione ma ne evidenzia il ruolo grazie alla partecipazione degli utenti che alimentano quotidianamente il news feed.

Il segreto del successo di Facebook, che ad oggi conterebbe circa 1.7 miliardi di iscritti, deriverebbe dalla capacità di sperimentare tutte le nuove idee, affidandole a team e a un ristretto numero di tester selezionati; quelle che non si dimostrano sufficientemente valide risultano comunque fondamenteli per evitare di ripetere gli errori del passato.

Zuckerberg, che durante il suo appuntamento romano ha anche incontrato Papa Francesco insieme a sua moglie Priscilla Chan, ha avuto anche il tempo di scherzare sul successo di Pokemon GO e di commuoversi per un attimo parlando di sua figlia, senza dimenticare la recente tragedia dovuta al terremoto che ha colpito l'Italia Centrale.

Continua dopo la pubblicità...

A questo proposito l'ex studente di Harvard ha voluto ricordare che Facebook Italia ha donato 500 mila euro (entrate derivanti dall'advertising) alla Croce Rossa, questa organizzazione infatti garantirà un'assistenza continua alle popolazioni coinvolte anche quando l'attenzione dei media e del pubblico sull'accaduto si sarà attenuta.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.