Market share in calo per Microsoft Edge

Market share in calo per Microsoft Edge

Microsoft Edge, il browser per la navigazione Web con cui la Casa di Redmond ha deciso di pensionare Internet Explorer, starebbe registrando una flessione in termini di quota di mercato; si tratta di un dato particolarmente curioso tenendo conto del fatto che Windows 10, il sistema che operativo con il quale è stato introdotto, sarebbe invece in fase di crescita.

Rilevazioni di NetMarketShare alla mano, lo scorso novembre Microsoft Edge avrebbe occupato un market share pari al 5.21% contro i 5.26 punti percentuali di ottobre 2016; attualmente il primato in questo settore è detenuto da Google Chrome con il 55.83% seguito da Internet Explorer con il 21.66% e da Mozilla Firefox con l'11.91%.

Mentre il vetusto Internet Explorer vanterebbe ancora oggi una quota di mercato pari a oltre un quinto sul totale, Microsoft Edge riuscirebbe invece a fare meglio soltanto di due alternative come Apple Safari (3.61 punti percentuali) e Opera Browser (appena l'1.36%) che storicamente non hanno mai goduto di una particolare diffusione.

Internet Explorer si starebbe quindi dimostrando "duro a morire", anche perché Windows 10 non è né l'unica piattaforma di Redmond in circolazione né la più utilizzata; rimarrà da monitorare quella che sarà la reazione degli utilizzatori quando Satya Nadella e soci decideranno di negare in via definitiva il proprio supporto ufficiale al predecessore di Edge.

Continua dopo la pubblicità...

Le future implementazioni dell'ultimo browser di Microsoft potrebbero però riservare delle sorprese, come per esempio una maggiore compatibilità con il rendering tridimensionale; l'intenzione degli sviluppatori è infatti quella di trasformare questa applicazioni in qualcosa di più rispetto ad una semplice applicazione per navigare sul Web.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.