Mercato del Pc, un calo all'insegna dell'ottimismo

Mercato del Pc, un calo all'insegna dell'ottimismo

Secondo le più recenti rilevazioni operate dai ricercatori di IDC, il mercato dei Pc sarebbe ancora coinvolto in un calo di vendite, anzi, le flessioni ultimamente registrate si sarebbero rivelare ancora più pesanti rispetto al passato; nonostante questo quadro a tinte fosche, le previsioni per il futuro sarebbero comunque ottimistiche.

Sostanzialmente, l'ultimo trimestre dell'anno corrente dovrebbe concludersi con un -10,3% rispetto al dato relativo allo stesso periodo del 2014, un risultato dovuto in particolare al fatto che il sistema operativo Windows 10, l'ultimo rilasciato dalla Casa di Redmond, non sarebbe riuscito a trascinare il comparto in un fase di ripresa.

Continua dopo la pubblicità...

Attualmente le installazioni di Windows 10 si conterebbero in oltre 100 milioni di unità, ma nella stragrande maggioranza dei casi si tratterebbe di upgrade gratuiti da Windows 7 o Windows 8.1; a ciò si aggiunga un cambio non esattamente conveniente con il dollaro che di certo non starebbe facilitando una crescita del settore Pc.

Se però da una parte il parco terminali in circolazione non sembrerebbe caratterizzato da una particolare tendenza al rinnovamento, dall'altra i consumatori starebbero continuando ad acquistare periferiche e accessori a corredo per migliorare le proprie postazioni; a beneficiare di tali comportamenti sarebbero in particolare mercati collaterali come per esempio quello dei monitor.

Sempre secondo le previsioni di IDC, le vendite di Pc potrebbero ricominciare a crescere nel breve futuro; le stime per il 2016 parlerebbero infatti di un calo non superiore al -3.1% sui 12 mesi ma di un andamento in attivo nel corso dell'ultimo trimestre, mentre la ripresa vera e propria dovrebbe arrivare non più tardi del 2018.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.