Microsoft: l'addio di Steve Ballmer

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Microsoft: l'addio di Steve Ballmer

Steve Ballmer, CEO di Microsoft e uomo di fiducia di Bill Gates, ha annunciato il suo addio alla poltrona di vertice della casa di Redmond. La "transizione" sarà graduale, richiederà circa 12 mesi e sarà orchestrata da una commissione speciale a cui parteciperà lo stesso Gates.

Ballmer, 57 anni, ex compagno d università di Bill Gates, si ritira dal mondo degli affari per godersi una fortuna stratosferica - si parla di qualcosa come 16 miliardi di dollari - lasciando la poltrona a qualcuno che, si augurano gli analisti, sia in grado di condurre Microsoft nell'era post-computer: se Gates era riuscito ad imporre Microsoft come azienda leader nel mondo dei computer, Ballmer, invece, verrà ricordato come il CEO che non ha saputo cogliere il cambiamento lasciandosi sfuggire la rivoluzione mobile e di Internet.

Nella carriera di Ballmer come CEO di Big M (12 anni, dal 2001 al 2013) è stata segnata, infatti, da alcuini clamorosi flop come lo sfortunatissimo Windows Vista ed il poco apprezzato (commercialmente parlando) tablet Surface il cui mancato successo sarebbe costato la bellezza di un miliardo di dollari alle case di Redmond.

Da segnalare che all'annuncio dell'addio, Microsoft ha registrato una vera e propria fiammata in borsa con un clamoroso +8%: per farla semplice, il mercato ha "regalato" qualcosa come 23 miliardi di capitalizzazione a Microsoft non appena si è sparsa la voce dell'addio... il boom, tuttavia, non è una sorpresa: secondo alcuni analisti, infatti, i problemi di Microsoft sarebbero stati legati (in buona parte) al suo attuale CEO.

A dire il vero i dodici anni di Ballmer non sono stati costellati solo da insuccessi. Ad onor del vero, infatti, è giusto ricordare gli ottimi risultati della console Xbox (e del rivoluzionario sistema no-controller Kinect), l'ottimo stato di salute della suite Office e l'acquisizione di Skype. Da un punto di vista finanziario, se è vero che nell'ultimo decennio Microsoft ha perso una grossa fetta di capitalizzazione, è altrettanto vero che gli utili della società continuano ad essere di tutto rispetto per la soddisfazione degli azionisti della casa di Redmond.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti