Microsoft combatte le App spazzatura

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook consiglia i ristoranti
  • SuccessivoFacebook: un Security Checkup per proteggere l'utenza
Microsoft combatte le App spazzatura

Mancherebbe ormai veramente poco tempo al rilascio del sistema operativo Windows 10, infatti la Casa di Redmond dovrebbe lanciare questa nuova piattaforma entro luglio e per allora il marketplace Windows Store dovrà essere pronto per ospitare le cosiddette "applicazioni universali", senza limiti di dispositivo e adattabili a differenti ecosistemi.

A questo proposito il gruppo californiano avrebbe già cominciato ad operare modificando le policy per la pubblicazione delle App nel suo negozio virtuale, un'iniziativa mirata in particolar modo a scoraggiare lo sviluppo e a limitare la diffusione dell "App spazzatura", software spesso realizzati soltanto per sottrarre dati personali agli utenti.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo quanto annunciato da Bernardo Zamora, Product Manager del Windows Apps and Store team, il gruppo capitanato da Satya Nadella avrebbe già definito un nuovo sistema per la certificazione delle App, tale metodologia verrà applicata non soltanto alle nuove proposte, ma anche alle offerte già presenti sul Windows Store.

L'idea sarebbe quella di agire per fasi assicurando l'eliminazione della applicazioni non consentite dal regolamento di Microsoft, garantendo che ad ogni App venga associato uno prezzo commisurato alle funzioni svolte, accettando unicamente App "trasparenti" nei confronti dell'utenza e scoraggiando l'impiego di tag o nomi per promozioni non consentite

E' da segnalare che i responsabili del marketplace di Redmond operano non di rado delle attività di "pulizia" a carico delle soluzioni pubblicate dai coders su questa piattaforma; infatti, già nel 2014 si assistette ad un'iniziativa simile che portò nell'arco di poco tempo alla rimozione di ben 1.500 App ritenute in violazione delle policy vigenti

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.