Microsoft e il delatore di Google

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteIl cellulare per i sosia dei Vip
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Microsoft e il delatore di Google

Un ex dipendente di Google passato alla concorrente software house di Redmond ha inviato una e-mail a tutti i suoi colleghi descrivendo l'ambiente di lavoro a Mountain View come una specie di inferno mascherato da isola di pace. Ne viene fuori un ritratto in forte contrasto con l'immagine di uffici popolati da sorrisi e relax che i dipendenti del super motore di ricerca avevano fatto trapelare fino ad oggi.

I pasti gratis sarebbero una scusa per tenere i dipendenti lontani dalle famiglie, o al limite per scoraggiarli da mettere su una famiglia; la reperibilità richiesta sarebbe di 24h su 24, 7 giorni su 7, chi non finisce un lavoro in ufficio continuerebbe a casa; lo spazio sarebbe poco e molti si troverebbero costretti a lavorare nei corridoi; ai meritevoli sarebbero preferiti i laureati in prestigiose università.

L'e-mail incriminata può essere consultata recandosi su questo blog. Che le circostanze denunciate siano vere o meno non è al momento dato di saperlo. Verità o propaganda della Microsoft?

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.