Microsoft: la fine di Windows Mobile si avvicina

Microsoft: la fine di Windows Mobile si avvicina

Il Corporate Vice President of Windows di Redmond, Joe Belfiore, avrebbe recentemente ammesso che l'azienda californiana non investirà ulteriormente sul progetto Windows Mobile. La piattaforma non verrà ulteriormente implementata per quanto riguarda le funzionalità in dotazione e non sarebbero in programma nuovi dispositivi.

Chi già possiede dei device basati su Windows Mobile potrà continuare ad usufruire di aggiornamenti dedicati all'affidabilità e alla sicurezza del sistema, è però escluso che quest'ultimo possa integrare in futuro delle feature addizionali. Quello che sarebbe dovuto essere il terzo incomodo tra Android e iOS diventerà così, con il tempo, un sostanziale fallimento o quasi.

Belfiore, che come Bill Gates avrebbe deciso di utilizzare uno smartphone Android e non un prodotto Microsoft, motiverebbe l'esito del progetto con la mancanza di un ecosistema di applicazioni sufficientemente strutturato. Le stesse software house avrebbero dimostrato un interesse sempre minore per Windows Mobile.

In futuro il rapporto tra Redmond e i dispositivi mobile dovrà essere sempre più improntato all'interoperabilità tra piattaforme, per cui device come l'Xbox One o suite per la produttività come Office 365 dovranno essere in grado di dialogare con qualsiadi smartphone o tablet, siano essi basati sul Robottino Verde o sull'alternativa di Cupertino.

Continua dopo la pubblicità...

Nel suo intervento Belfiore non avrebbe dichiarato apertamente la fine di Windows Mobile, ma le parole pronunciate si presterebbero a quest'unica interpretazione. A questo punto si attendono notizie sulla sorte del cosiddetto "Andromeda Project" che, secondo indiscrezioni, si sarebbe dovuto concludere con il lancio di un Surface Phone equipaggiato con Windows 10.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.