Microsoft lancia Phone Companion

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteUber bloccato per concorrenza sleale
  • SuccessivoApple: Jonathan Ive nominato Chief Design Officer
Microsoft lancia Phone Companion

Phone Companion è il nome di una nuova applicazione della Casa di Redmond che permetterà agli utenti di portare i software per Windows 10 anche sui dispositivi equipaggiati con i sistemi operativi mobili iOS e Android; si tratta quindi di una soluzione pensata per l'interoperabilità tra i Pc, da una parte, e i device come gli smartphone e i tablet.

In sostanza Phone Companion dovrà prima essere installata su Pc, con il requisito di possedere Windows 10 come piattaforma di lavoro, fatto questo si avrà a disposizione un canale attraverso il quale anche il Robottino Verde e il sistema operativo della Casa di Cupertino potranno usufruire di soluzioni come Skype, OneDrive, OneNote, la suite Office e non solo.

Continua dopo la pubblicità...

Viene così confermata per l'ennnesima volta la strategia scelta dal CEO Satya Nadella per il futuro della corporation californiana, un modello di business che non vede più Windows come il fulcro del giro d'affari di Microsoft, ma come uno degli strumenti attraverso i quali mettere a disposizione servizi per un pubblico sempre più vasto.

I primi utenti a poter provare le funzionlità offerte da Phone Companion saranno quelli che hanno aderito al programma Windows Insider, ciò gli stessi tester che attualmente stanno inviando feedback a Microsoft riguardo all'anteprima tecnica di Windows 10; per questi ultimi l'attesa non dovrebbe superare il tempo di qualche settimana.

Sempre in nome dell'interoperabilità, Big M ha recentemente annunciato l'implementazione dell'assistente intelligente alle ricerche Cortana anche per iOS e Android, l'applicazione si presenta quindi come un'alternativa a Siri e Google Now, due soluzioni che grazie alle piattaforme di riferimento contano già milioni di utilizzatori.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.