Microsoft licenzia i dipendenti londinesi di Skype

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteNel 2016 l'attacco DDoS più grande di sempre
  • SuccessivoLaserWan: progetto italiano contro il Digital Divide
Microsoft licenzia i dipendenti londinesi di Skype

I vertici della Casa di Redmond avrebbero deciso di chiudere gli uffici londinesi di Skype, una manovra che potrebbe portare al licenziamento di 400 lavoratori. L'obbiettivo di Satya Nadella e soci dovrebbe essere quello di aver maggior controllo sulla gestione e l'implementazione del client VoIP concentrando tali attività nella propria sede californiana.

L'iniziativa non dovrebbe coinvolgere le altre sedi di Skype aperte in diverse città del mondo tra cui anche Palo Alto e Vancouver (oltre alla stessa Redmond). Rimarranno aperte anche alcune divisioni presenti nel Vecchio Continente, ma è probabile che queste ultime avranno via via un carattere più commerciale che dirigenziale.

Continua dopo la pubblicità...

Per motivi legati all'organizzazione della compagnia, Skype è sempre stato un progetto "europeo"; l'applicazione era stata concepita tecnicamente in Estonia nel 2002 ma divenne proprietà di Ebay nel 2009 (per 2.6 miliardi di dollari) e divenne protagonista di alcune operazioni finanziarie fino a divenire parte integrante di Microsoft nel 2011 (per 8.5 miliardi di dollari).

Il gruppo fondato da Bill Gates puntò talmente tanto su questa acquisizione da pensionare quello che era stato il suo storico programma per la messaggistica, Windows Live Messenger, ma pur essendo molto diffuso anche in ambito enterprise necessita di profonde revisioni per trasformarsi in una soluzione concorrenziale alla offerte di WhatsApp, Facebook Messenger e App simili.

Fino a poco tempo fa Skype poteva farsi forte di una qualità delle comunicazioni superiore a quella delle sue alternative, ora queste ultime sono state acquisite da colossi in grado di fornire infrastrutture paragonabili a quelle di Redmond, motivo per il quale Skype dovrà dimostrarsi più equipaggiata dal punto di vista dei servizi e Microsoft vuole il controllo diretto su questo nuovo corso.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.