Microsoft Office si allea con Dropbox

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteL'8 novembre a Milano sarà JoomlaDay
  • SuccessivoIl sito Web della Camera dei Deputati non è accessibile
Microsoft Office si allea con Dropbox

Secondo le ultime notizie provenienti dalla Casa di Redmond, le applicazioni ufficiali di Ms Office per il tablet iPad, lo smartphone iPhone e i dispositivi mobili basati sul sistema operativo Android dovrebbero essere aggiornate nel corso delle prossime settimane per rendere disponibile il supporto per la piattaforma Cloud esterna di Dropbox.

Sostanzialmente in questo modo gli utilizzatori dovrebbero avere la possibilità di condividere documenti creati con i vari programmi in dotazione nella suite (Word, Excel e PowerPoint), grazie ad un servizio che mette a disposizione più o meno le stesse funzionalità incluse in OneDrive, ma che a differenza di quest'ultimo non appartiene a Satya Nadella e soci.

Continua dopo la pubblicità...

Quali le motivazioni che avrebbero spinto la Microsoft a scendere a patti con quello che è di fatto uno dei sui maggiori concorrenti sulla "nuvola"? Probabilmente semplici calcoli legati alle opportunita di profitto, lasciare la porta aperta agli iscritti su Dropbox potrebbe determinare una maggiore propensione all'acquisto di Office 365.

L'aggiornamento previsto dovrebbe consentire, tra le altre opzioni, anche di esplorare le cartelle d Dropbox e navigare all'interno di esse tramite l'App di Ms Office, manipolare i file di quest'ultima attraverso l'applicazione di Dropbox, archiviare e sincronizzare le modifiche effettuate fra tutti i device utilizzati e condividere i collegamenti di Dropbox da Ms Office per mobile.

Gli effetti di questa partnership tra le due aziende incentrata sul Cloud Computing dovrebbero coinvolgere anche la versione offline di Ms Office installabile localmente; infatti, secondo le indiscrezioni più recenti, la sua integrazione con la piattaforma di Dropbox dovrebbe essere completata entro la metà del prossimo anno.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.