MiSE: 45 milioni di euro per il WiFi

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook: un modello "televisivo" per l'advertising
  • SuccessivoFacebook: moderatori traumatizzati
MiSE: 45 milioni di euro per il WiFi

Smarter Italy è il nome di un piano del MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) finalizzato alla promozione di interventi infrastrutturali che semplifichino il processo di digital tranformation in Italia, l'obbiettivo è quello di rendere la Penisola un Paese 4.0 anche attraverso interventi particolarmente sostanziosi dal punto di vista economico.

WiFi gratuito per tutti e ovunque

Piazza Wifi Italia è invece un progetto sviluppato all'interno di Smarter Italy che punta a dotare tutti i cittadini italiani di un'applicazione mobile tramite la quale connettersi ad Internet in qualsiasi momento, ciò dovrebbe essere possibile attraverso una rete WiFi estesa in tutto il territorio nazionale e utilizzabile gratuitamente perché già pagata a monte dai contribuenti.

Continua dopo la pubblicità...

Il sito Web ufficiale dell'iniziativa, wifi.italia.it, consente già ora ai comuni di effettuare direttamente online la richiesta di punti WiFi da attivare. Per quanto riguarda la gestione delle domande, avranno priorità quelle provenienti dai comuni con meno di 2 mila abitanti ovvero quelli che plausibilmente hanno minori disponibilità per implementare una rete propria.

I fondi passano da 8 a 45 milioni di Euro

Inizialmente Piazza WiFi Italia prevedeva uno stanziamento pari a 8 milioni di euro, ora il dicastero guidato da Luigi di Maio ha incrementato la dotazione fino a 45 milioni di euro. L'ampliamento dei fondi, avvenuta per Decreto, arriva immediatamente dopo l'affidamento dei lavori di realizzazione della rete che è stato accordato a Infratel.

Il primo Comune in Italia a beneficiare del progetto è stato Torricella Sicura in provincia di Teramo, uno dei centri colpiti dal disastroso terremoto del 2016. Le procedure relative alla progettazione sarebbero poi attive in tutti e 138 i comuni italiani di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria interessati dal sisma che 3 estati fa causò centinaia di vittime e danni materiali incalcolabili.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.