MiSE: cresce il numero delle startup italiane

MiSE: cresce il numero delle startup italiane

è disponibile online sul sito Web del MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) la nuova edizione del report di monitoraggio trimestrale dedicato ai trend demografici e alle performance economiche delle startup innovative. I dati sono aggiornati al 30 giugno 2020 è sono frutto della collaborazione tra lo stesso MISE e InfoCamere con il supporto di Unioncamere.

Tra i risultati più interessanti dello studio vi è per esempio il dato che certifica la crescita del numero delle startup, quelle iscritte nel periodo di riferimento si sarebbero assestate stabilmente sopra quota 10 mila. Per la precisione sarebbero state censite 11.496 aziende, sostanzialmente il 3.1% di tutte le società di capitali di recente costituzione.

Continua dopo la pubblicità...

Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, la Lombardia ospiterebbe oltre un quarto di tutte le startup italiane (il 27.3%) con la provincia di Milano a rappresentare da sola il 19.6% della popolazione. L'unica altra regione oltre le mille unità sarebbe il Lazio con Roma come protagonista grazie alle sue 1.178 unità e il 10.2% sul totale nazionale).

La regione in grado di vantare la maggiore densità di imprese innovative sarebbe però il Trentino-Alto Adige, dove il 5.4% di tutte le società costituite nell'ultimo quinquennio rientrerebbe nel novero delle startup. Non particolarmente elevato il valore medio della produzione, circa 163 mila euro, ma nella maggior parte dei casi si tratterebbe di micro-imprese.

Rispetto al trimestre precedente sarebbero aumentati dell'1.2% i soci di capitale dell'azienda, attestandosi a oltre quota 53 mila, ma sarebbero ancora sottorappresentate le imprese femminili: il 13.2% contro il 21.7% delle società di capitali nel loro complesso. Da segnalare anche l'incidenza più elevata della media di società in perdita: oltre il 51.8% contro il 32.8% sul totale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.