Money transfer in cryptovalute via WhatsApp

Money transfer in cryptovalute via WhatsApp

Nonostante Menlo Park stia cercando di mantenere il massimo riserbo in merito al progetto, secondo alcune indiscrezioni gli sviluppatori di WhatsApp sarebbero al lavoro su una piattaforma per il trasferimento di denaro via chat basato sulla cryptovaluta Stablecoin. Se tutto dovesse andare secondo i piani il servizio potrebbe essere attivo entro il 2019 o non più tardi del prossimo anno.

La scelta di Stablecoin da parte del gruppo di proprietà di Facebook non sarebbe casuale, si tratta infatti di una moneta virtuale il cui valore, a differenza di quanto accade con alternative quali Bitcoin, viene modulato in base a beni realmente esistenti come per esempio il dollaro statunitense, un portafoglio di divise internazionali o una materia prima come l'oro.

Continua dopo la pubblicità...

Non si tratterebbe poi dell'unica iniziativa di Mark Zuckerberg e soci incentrata sul mondo delle crytovalute e delle tecnologie distribuite, a tal proposito si ricorda che l'azienda ha creato un team composto da una cinquantina di sviluppatori destinato ad implementare soluzioni basate sulla Blockchain sotto la guida di David Marcus, responsabile della divisione Messaging Products.

WhatsApp non è poi l'unica applicazione per la messaggistica istantanea a sostenere progetti interni dedicati ai pagamenti online, tra le altre vi sono per esempio Telegram, che starebbe sviluppando una propria crytovaluta da utilizzare negli scambi tra contatti, e Line, App diffusissima in Giappone, i cui gestori starebbero implementando soluzioni simili.

In leggera controtendenza alcune realtà concorrenti fra cui WeChat che avrebbero deciso di non lavorare sulle monete virtuali per utilizzare direttamente le proprie valute nazionali, ma qualunque sia la strategia scelta è ormai sicuro che nel prossimo futuro assisteremo ad un'importante espansione del comparto Chat-payment.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.