E' morto il fondatore di Grooveshark

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteHackererato Ashley Madison, il Facebook dell'infedeltà
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Josh Greenberg, noto per essere stato il fondatore del servizio per la condivisione audio in streaming Grooveshark, sarebbe stato trovato morto nella sua abitazione di Gainesville, località Florida. L'imprenditore aveva appena 28 anni e iniziò la sua avventura con Grooveshark ancora giovanissimo, nel 2006, insieme al musicista Sam Tarantino e al socio Andrés Barreto.

Secondo quanto dichiarato dagli agenti incaricati delle indagini sull'accaduto, Greenberg non dovrebbe essere stato vittima di un suicidio; il cadavere del giovane sarebbe stato ritrovato nel corso della giornata di domenica e le forze dell'ordine potrebbero non avere ancora un'idea chiara sulle reali cause del decesso.

Nel corso degli ultimi mesi Greenberg aveva dovuto affrontare un periodo particolarmente difficile, la chiusura di Grooveshark (dopo quasi una decina d'anni di attività) risale infatti allo scorso maggio, quando i suoi responsabili dovettero sancire la fine del servizio in seguito alle pressioni esercitate da alcune majors discografiche.

Nelle intenzioni Grooveshark operava in piena legalità, ma quando i suoi vertici non riuscirono a perfezionare dei nuovi accordi con le etichette discografiche alla piattaforma venne a mancare la sua risorsa primaria, cioè la possibilità di fornire tracce musicali per lo sharing. Lo stesso gruppo parlò di un vero e proprio fallimento nel tentativo di acquisire le necessarie licenze.

Nato nel 1987, Greenberg è divenuto uno dei più brillanti imprenditori della Rete all'età di 19 anni creando un servizio che, in corrispondenza con il suo periodo più fortunato, è riuscito a raccogliere oltre 40 milioni di utenti nonché ad impiegare 145 lavoratori. Al momento della sua scomparsa era ancora in essere una richiesta di risarcimento da centinaia di milioni di dollari formulata a suo carico dall'industria discografica.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti