MySpace sfida Facebook sulla privacy

Quasi non se ne parla più, eppure MySpace, il social network di proprietà del magnate australiano delle telecomunicazioni Rupert Murdoch, ha ancora milioni di utilizzatori sparsi per tutta la Rete; per niente disposto ad arrendersi, il servizio sembra invece intenzionato a sfidare il concorrente di sempre.

Facebook è aspramente criticato per non essere un esempio da imitare in fatto di tutela della privacy? Allora MySpace sposterà la battaglia proprio su questo terreno, con un'inizativa che, nelle prossime settimane, dovrebbe semplificare la gestione dei dati personali da parte degli utenti.

Continua dopo la pubblicità...

Niente più setaggi complicati, niente più voci da decifrare prima di operare una scelta (temendo comunque e sempre di sbagliare); gli utilizzatori di MySpace potranno impostare il proprio profilo in modo che questo sia visibile a tutti, soltanto alle persone magiorenni o solo alle persone conosciute.

La politica di Facebook relativa alla privacy rimane invece ancora molto macchinosa, si pensi soltanto che che il social network più utilizzato della Rete prevede ben 170 diverse impostazioni relative alla gestione dei dati personali.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.