Nasce il WebExtensions Community Group

Nasce il WebExtensions Community Group

Il WebExtensions Community Group creato in seno al W3C (World Wide Web Consortium) riunisce tutti i maggiori browser vendor oggi operanti sul mercato: Apple, Google, Microsoft e Mozilla. Questi ultimi hanno deciso di unire le forze con lo scopo di creare uno standard per lo sviluppo delle estensioni in modo da garantirne la compatibilità tra le diverse applicazioni.

Per il momento non sarebbe disponibile alcuna specifica tecnica e la creazione di questo gruppo potrebbe essere considerata come la prima fase di una trattativa in corso tra le Big Company coinvolte. Al centro della discussione vi sono gli Open Standard per il Web ma è logico pensare che ognuna delle parti tenterà di difendere il lavoro fatto fino ad ora sul proprio browser.

Ad aver già trovato un accordo di fatto sono sicuramente Mountain View e la Casa di Redmond, l'ultima generazione di Edge infatti è stata implementata sfruttando la codebase di Chromium che condivide con Chrome. Questa caratteristica rende le due applicazioni compatibili dal punto di vista delle estensioni contribuendo anche alla crescita del market share di Edge.

Secondo quanto dichiarato dai portavoce del WebExtensions Community Group, il lavoro e gli interventi che verranno effettuati nel prossimo futuro avranno un doppio effetto: semplificare la vita degli sviluppatori che creano estensioni, estendendone nel contempo la platea di utilizzatori, e migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Continua dopo la pubblicità...

La definizione di uno standard universale, quindi valido per l'intero mercato e approvato dal consorzio che presiede all'approvazione delle specifiche e dei protocolli per il Web, potrebbe portare anche alla creazione di nuovi progetti utili a rendere più dinamico un settore in cui ormai da troppo tempo i soggetti dominanti sono sempre gli stessi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.