Net Neutrality: Netflix paga per l'Internet a due velocità

Mentre un buon numero di colossi della Rete protestano contro la FCC (Federal Communications Commission) e il suo provvedimento per l'introduzione di un'Internet a due velocità con conseguenti problemi per il principio della Net Neutrality, Netflix avrebbe deciso di assumere una posizione fuori dal coro.

Come confermato dai portavoce dell'azienda, quest'ultima non sarebbe un'oppositrice della neutralità della Rete, al contrario, la sosterrebbe con forza, ma a causa della caratteristiche peculiari del suo servizio (e del relativo core business) sarebbe obbligata a pagare per godere di banda aggiuntiva.

Continua dopo la pubblicità...

Netflix è una piattaforma dedicata in buona parte al video streaming e la richiesta di contenuti in alta definizione se non in 3D sarebbe in continuo aumento; ne conseguirebbe la generazione di una mole di traffico dati in costante crescita.

Per questo motivo il gruppo avrebbe cominciato già lo scorso mese di marzo a comprare banda addizionale, questo non per avallare le recenti iniziative dell'agenzia statunitense per il controllo delle comunicazioni, ma per offrire ai propri clienti un servizio qualitativamente adeguato.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.