Nokia rivede le stime sugli introiti e crolla a Wall Street

Nokia rivede le stime sugli introiti e crolla a Wall Street

Brutta giornata per Nokia a Wall Street. Le azioni del gruppo finlandese, infatti, hanno segnato un clamoroso -14% nella seduta odierna. Ma il dato borsistico, probabilmente, è solo la punta dell'iceberg di una situazione tutt'altro che semplice.

Il tonfo delle quotazioni, infatti, è in gran parte dovuto ad un comuncato dell'azienda nel quale vengono riviste al ribasso le stime circa gli introiti dell'azienda; l'outlook comunicato in occasione dell'ultima trimestrale, infatti, non potrà essere rispettato... ma non solo, il dato - che stimava entrate tra i 6,1 e 6,6 miliardi di dollari - deve essere anzi ampiamente rivisto al ribasso.

Il dato delle vendite patisce, soprattutto, le sorti di Symbian, il sistema operativo mobile di Nokia, che in questi anni ha visto erosa la propria quota di mercato (fino a qualche tempo fa la maggioranza degli smartphone in circolazione era dotato di OS Symbiasn) a vantaggio di iOS (il sistema operativo di Apple iPhone) e, soprattutto, di Android.

La scelta di abbandonare Symbian e di passare l'intera produzione a Windows Phone 7 ha sicuramente penalizzato l'azienda nel breve periodo: il passaggio al sistema operativo di Microsoft, infatti, avverrà solo nel 2012 (con il lancio di una nuova serie di modelli di cui, ad oggi, si sa davvero poco) ed il successo commerciale di questa scelta è ancora tutto da verificare. E' tutt'altro che scontato, infatti, che WP7 riesca a risollevare le sorti del colosso finlandese che fino a pochi anni fa era il dominatore indiscusso del mercato dei device mobili, mercato oggi dominato dall'ascesa (apparentemente inarrestabile) di Android.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.