Nuove dipendenze: arriva la cyber-droga

Nuove dipendenze: arriva la cyber-droga

Niente più spinelli, siringhe, sniffate o bevute: per chi non può fare a meno di dipendere da qualche sostanza ora c'è iDoser, la nuova droga virtuale che si assume attraverso infrasuoni basati su onde radio tra i 3 e i 30 Hertz.

Per diventare "tossici 2.0" basta scaricare le dosi virtuali - da siti come lo stesso www.i-doser.com - e ascoltarsele in santa pace; l'effetto varia a seconda del tipo di dose scelta: una diversa frequenza corrisponde ad una determinata droga o bevanda in quanto agisce su determinati recettori del cervello.

Il problema è serio ma l'argomento non può che essere trattato in tono faceto: nonostante della droga virtuale si siano occupati la televisione e la Guardia di Finanza, viene comunque spontaneo pensare (e ci auguriamo di avere ragione) che il tutto si risolverà come una grossa bufala estiva. Nel frattempo invitiamo i nostri lettori a non cadere nella tentazione della curiosità... in attesa che la scienza si esprima anche su questo nuovo e singolare cyber-fenomeno.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.