Nvidia vuole ARM?

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCrowdinvesting: in Italia domina il lending crowdfunding
  • Successivo AGCM: Apple e Amazon sotto istruttoria

Secondo alcune indiscrezioni circolate nei giorni scorsi la holding finanziaria giapponese SoftBank Group Corporation sarebbe pronta a cedere la proprietà di ARM, società che implementa l'omonima architettura per i microprocessori. Tra le realtà interessate all'acquisizione di quest'ultima vi sarebbe anche la californiana Nvidia.

La notizia sarebbe in attesa di ufficializzazione, ma stando a quanto riportato da Bloomberg le parti coinvolte sarebbero già in fase di contrattazione. Per il momento è quindi difficile ipotizzare l'entità di un'eventuale offerta economica e le modalità di un'acquisizione che potrebbe essere anche parziale o effettuata attraverso una partecipazione azionaria.

Continua dopo la pubblicità...

Nvidia sfrutta l'architettura ARM per i chipset integrati in alcuni dispositivi, basti pensare alla Nintendo Switch che è un ibrido tra una console casalinga e un device portabile. Acquisendo la proprietà della ARM Holdings (che è una società britannica), il gruppo capitanato da Jen-Hsun "Jensen" Huang potrebbe estendere ulteriormente il suo business nel mercato mobile.

Tra le altre multinazionali interessate ad ARM vi sarebbe anche la Casa di Cupertino. In questo caso però i tentativi di trovare un accordo con Apple avrebbero avuto vita breve, forse per via di una proposta economica inadeguata o forse per timore che le autorità Antitrust avrebbero bocciato l'operazione in quanto potenzialmente dannosa per la concorrenza.

Attualmente Nvidia detiene una posizione di leadership in settori come la produzione di GPU per il gaming e il visual computing, prendere il controllo di ARM rappresenterebbe un'occasione unica per moltiplicare le proprie attività nel comparto mobile che, nonostante la sua importanza, è ancora oggi marginale nel complesso della sua strategia industriale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.