P2P: in Belgio pagano anche gli ISP

P2P: in Belgio pagano anche gli ISP

E' destinata a suscitare polemiche e forse anche tentativi di emulazione la decisione di un tribunale belga che ha deciso di riconoscere anche gli Internet Service Provider come responsabili della pirateria on line tramite programmi di file sharing.

In pratica, con una sentenza pronunciata anche ai danni del provider Scarlet Extended, il giudice ha affarmato che gli ISP posseggono tutti gli strumenti e i filtri necessari per bolccare il P2P illagale e che quindi hanno l'obbligo di utilizzarli per bloccare le possibili violazioni dei diritti d'autore.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo la sentenza quindi, se un provider non impedisce che tramite la propria banda vengano commesse delle illegalità esso è da ritenersi alla stregua di un complice nel compimento di un reato.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.