P2P: chiude anche Grokster

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteYahoo e Google pronti ad investire sui servizi per cellulare
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Si conclude così quella che molti ritengono la più importante battaglia legale condotta negli USA sul diritto d'autore nell'era di Internet. a seguito di un accordo con le major, Grokster (celebre piattaforma P2P) chiude definitivamente i battenti.
Dopo tre anni di battaglia legale l'industria dei contenuti ottiene quella che definisce una vittoria storica. E ora si parla di P2P legale: secondo la RIAA soltanto un mercato legale della musica digitale consentirà alle case discografiche di investire in modo importante in questo nuovo canale.
Con la caduta di Grokster, e le rese di BitTorrent ed eDonkey c'è chi preannuncia tempi difficili per gli amanti del P2P... anche se, secondo i più attenti osservatori del mercato, non è con la represione che si possono cambiare le abitudini di milioni di utenti...

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.