Pagare le bollette con GMail

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedentePrevisioni ottimistiche per l'ITC italiano
  • SuccessivoIl 15 e 16 maggio a Verona sarà phpDay 2015
Pagare le bollette con GMail

Mountain View dovrebbe introdurre presto nella piattaforma per la comunicazione online GMail una funzionalità che non solo invierà un tempestivo reminder riguardante le bollette in scadenza, ma permetterà anche agli utenti di pagarle; questo strumento dovrebbe prendere il nome (abbastanza evocativo) i "Pony Express".

Tale progetto dovrebbe essere già in avanzato stato di realizzazione, motivo per il quale secondo Big G (ma parliamo di indiscrezioni che per il momento non sarebbero state ancora confermate ufficialmente) tale servizio potrebbe diventare disponibile pubblicamente entro l'ultimo trimestre dell'anno corrente.

Continua dopo la pubblicità...

Come anticipato, per ora le informazioni disponibili non andrebbero oltre i rumors, tanto che sarebbe interessante scoprire se questa funzionalità verrà fornita gratuitamente o se Google tratterrà una commissione in cambio del completamente dei pagamenti; si consideri però che molti home benaking forniscono la medesima feature senza alcun aggravio.

E' comunque probabile che Larry Page e soci scelgano di proporre la formula gratuita, questo perché già di per sé la gestione dei pagamenti dovrebbe garantire importanti vantaggi alla società, come per esempio la possibilità di accedere ad informazioni fondamentali come i costi pagati dagli utilizzatori di GMail per le proprie utenze.

Utilizzare Pony Express dovrebbe essere abbastanza semplice, esso infatti potrebbe funzionare come un servizio per i RID interbancari ai quali passare pochi dati tra cui nome, cognome, indirizzo, il numero della previdenza sociale e il numero della propria carta di credito. E' immaginabile che, almeno inizialmente, tale funzionalità sarà dispobile per i soli utenti statunitensi.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.