Le password peggiori del 2020

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteStrong Customer Authentication, banche e imprese non sono pronte
  • SuccessivoRilasciato WordPress 3.0.1
Le password peggiori del 2020

Come ogni anno anche nel 2020 NordPass ha reso disponibile la sua classifica delle password utilizzate più di frequente nei 12 mesi precedenti. La prima posizione è detenuta da una sgradita conferma: "123456", una stringa composta da 6 numeri espressi in cifre scelta una volta su 142 che primeggia su ogni altra password dal lontano 2014.

Secondo posto per la ben più lunga ma altrettanto pericolosa "123456789" che supera l'incomprensibile "picture1" la cui origine andrebbe studiata nelle università. "password", cioè proprio la parola "password" scritta così com'è, è attualmente solo quarta, fino al 2014 era in prima posizione ma sembrano ormai finiti i tempi in cui spadroneggiava incontrastata.

Continua dopo la pubblicità...

Quinto posto per "12345678", seguita nell'ordine dalla nemmeno apparentemente inviolabile "111111", da due grandi classici come "123123" e "12345" nonché da "1234567890" e "senha" che chiudono la Top 10. "qwerty", ottenuta premendo in sequenza i primi 5 caratteri alfabetici della tastiera, è soltanto al 12° posto, mentre "000000" e l'immortale "iloveyou" sono rispettivamente al 15° e al 17° posto.

La maggior parte delle password scelte non sono sicure sono troppo brevi e troppo semplici

Ad oggi la lunghezza media di una password si assesterebbe su 9.48 caratteri e soltanto il 12.04% conterebbe almeno un carattere speciale. Il 28.79% delle password sarebbe composto unicamente da lettere mentre oltre 1/4 (per la precisione il 26.16%) conterrebbe unicamente lettere minuscole e il 13.37% esclusivamente delle cifre.

Per quanto riguarda le password più utilizzate in assoluto, le mille più comuni sarebbero state scelte in non meno del 6.61% dei casi, prendendo in considerazione invece il primo milione di password più comuni la percentuale salirebbe 36.28%. Le prime 10 milioni di password più comuni sarebbero impiegate in oltre la metà dei casi (il 54%).

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.