Pavel Durov: impossibile gestire un progetto Internet in Russia

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteLe Marche vogliono eliminare il Digital Divide
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Pavel Durov, soprannominato il Mark Zuckerberg di San Pietroburgo nonché ex CEO del social network VKontakte e creatore del progetto Telegram per la messaggistica istantanea, ha recentemente rilasciato un'intervista a "Repubblica.it" riguardo alle ultime vicende che lo hanno coinvolto.

Secondo quanto dichiarato dall'imprenditore classe 1984, attualmente in Russia sarebbe praticamente impossibile sviluppare un progetto Web di grandi dimensioni, questo a causa delle pressioni governative e delle normative troppo vincolanti ad oggi in vigore nella Confederazione.

Durov avrebbe più volte sottolineato le sue posizioni politiche particolarmente libertarie, ciò in pieno contrasto con il regime di un paese in cui la presenza dell'FSB (Federal'naja sluba bezopasnosti), i servizi segreti eredi del KGB, sarebbe ancora troppo invedente.

Lasciata la Russia dopo il suo allontanamento dal board di VKontakte, Durov avrebbe acquisito la cittadinanza di Saint Kitts e Nevis, nell'America Centrale, in cambio di un investimento di 250 mila dollari in un'azienda locale; ma lo stesso imprenditore si sarebbe affrettato a smentire questa indiscrezione.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.