La pirateria fa male: lo dice la IFPI

La IFPI (International Federation of the Phonographic Industry) rappresanta gli interessi economici dell'industria fonografica a livello internazionale; è quindi la prima vittima dell'inarrestabile pirateria digitale che ogni anno priva di ingenti risorse le majors dell'intrattenimento audio-video.

Forse perchè stanca del ruolo di "cattiva" che le è stato ritagliato addosso, la IFPI ha deciso di produrre un dacalogo in cui vengono illustrati voce per voce tutti i danni e le ipocrisie che stanno dietro a quella che è la loro più feroce concorrente: l'industria della pirateria e della condivisione illegale di file coperti da diritti d'autore.

Continua dopo la pubblicità...

Tra le voci elencate, spiccano quelle relative ad alcuni siti internet come Piratebay e Allmp3 che spacciandosi per baluardi della libertà di condivisione tra gli utenti del Web incamerano milioni di dollari in entrate pubblicitarie.
L'annosa questione è troppo complessa per essere commentata in un breve articolo, il lettore potrà consultare il decalogo su questa pagina e farsi la sua opinione a riguardo.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.