Pizze e pasti a domicilio con Google

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteSempre più utenti da Android ad iOS
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Pizze e pasti a domicilio con Google

I responsabili di Mountain View avrebbero deciso di introdurre un nuovo servizio grazie al quale gli utenti avranno la possibilità di ordinare pasti a domicilio; ciò sarà possibile grazie ad una funzionalità denominata "Place a Order" (letteralmente, "effettua un ordine") che dovrebbe essere presto presente tra i risultati di ricerca.

Il funzionamento di tale feature dovrebbe essere in ogni caso molto semplice: l'utente ricerca da mobile un ristorante, una pizzeria o un'altra attività per la somministrazione posizionata nelle vicinanze della propria abitazione, clicka sul pulsante "Place a Order" e il browser Web si collega al sito Internet dell'esercizio scelto.

Continua dopo la pubblicità...

Per il momento il servizio dovrebbe essere ancora in fase sperimentale, sarebbe temporaneamente accessibile soltanto dall'utenza statunitense e coinvolgerebbe ancora pochi operatori come per esempio Eat24, Delivery.com e MyPizza.com; un eventuale successo dell'iniziativa potrebbe portare ad una sua estensione a livello mondiale.

I tecnici di Google avrebbero quindi deciso di definire una procedura particolarmente semplice, diciamo pure "alla portata di tutti" e caratterizzata da pochi passaggi, proprio con l'intenzione di portare anche su Internet un'abitudine ormai universalmente diffusa come quella di ordinare cibo a domicilio.

Da motore di ricerca a network di servizi, ormai la creatura di Larry Page e Sergey Brin si starebbe proponendo sempre di più come una piattaforma per organizzare la quotidianità degli utenti: dalle informazioni sullo shopping al confronto tra i prezzi, dalla prenotazione dei voli aerei a quelle di alberghi e ristoranti fino alla consegna dei pasti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.