Quora: trafugati i dati di 100 milioni di utenti

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCyber Security: il 2018 é stato l'anno delle botnet
  • SuccessivoSegnali di flessione per l'innovazione in Europa (e in Italia)

I responsabili di Quora, nota rete sociale dedicata all'informazione e basata sul meccanismo delle Q&A (questions and answers), avrebbero confermato un attacco informatico contro la propria piattaforma avvenuto negli scorsi giorni. Durante l'azione malevola sarebbero stati sottratti i dati di oltre 100 milioni di iscritti al servizio.

Stando a quanto riportato dal blog ufficiale di Quora, la maggior parte delle informazioni trafugate sarebbero comunque già disponibili pubblicamente, al momento però non sarebbero note né le modalità con cui é stata condotta l'intrusione né la sua provenienza. Gli esecutori risulterebbero quindi ancora sconosciuti nonostante l'indagine affidata ad una consulenza esterna.

Continua dopo la pubblicità...

Quora avrebbe già provveduto a comunicare quanto avvenuto alle autorità competenti, nello specifico gli attaccanti sarebbero riusciti ad attingere ad un database contenente nomi, indirizzi di posta elettronica, password (memorizzate in forma cifrata), domande e risposte formulate dagli utenti, commenti e importazioni di contenuti.

A maggior tutela degli utilizzatori, le sessioni attivate tramite gli account compromessi sarebbero state terminate forzatamente, nel caso si desideri procedere con una nuova autenticazione sarà obbligatorio effettuare un reset della propria password e solo successivamente si potrà effettuare il login.

Nata nel 2009 dalla volontà di creare uno spazio per la condivisione della conoscenza, Quora é la creatura di due ex collaboratori di Facebook, Adam D'Angelo e Charlie Cheever, a cui va il merito di aver creato una community in grado di operare sia online che offline grazie all'organizzazione di numero incontri ed eventi dedicati agli iscritti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.