Repubblica Digitale: un bilancio delle prime adesioni

Repubblica Digitale: un bilancio delle prime adesioni

Lo scorso maggio il Team per la trasformazione digitale ha lanciato il progetto Repubblica Digitale dedicato all'inclusione digitale e contro il digital divide oggi inserito nel documento strategico "Italia 2025" del Ministro per l'Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione guidato da Paola Pisano. Ad oggi le richieste di adesione raccolte avrebbero superato il centinaio, metà delle quali accettate.

Considerando le 3 categorie di riferimento dell'iniziativa, organizzazioni pubbliche, private e del terzo settore, tra le idee inviate vi sarebbe una leggera prevalenza delle proposte per il settore privato. In ogni caso nessuna Pubblica Amministrazione centrale avrebbe proposto iniziative, mentre quelle locali sarebbero state ben poche.

Continua dopo la pubblicità...

Scarse anche le adesioni dei soggetti appartenenti a sistema educativo e grandi imprese, mentre le PMI si sarebbero dimostrate ben più sollecite nel partecipare. La categoria a cui si rivolge la maggior parte delle iniziative approvate sarebbe quella dei cittadini, con particolare attenzione agli studenti delle scuole superiori, meno rilevante sarebbe invece il numero delle iniziative destinate a soggetti svantaggiati e over 65.

Per quanto riguarda la localizzazione, la maggior parte delle iniziative garantirebbe una copertura a livello nazionale grazie all'utilizzo di piattaforme online come quelle per l'e-learning. Non mancano i casi di progetti da implementare localmente in quanto avviati da amministrazioni comunali o da organizzazioni non governative che operano a livello cittadino.

Il prossimo passo prevede di mettere in rete gli aderenti al progetto rendendo Repubblica Digitale una community per la co-progettazione. Verranno quindi avviate iniziative per incidere in modo specifico su alcuni temi o alcune fasce di popolazione su cui si vuole accelerare il cambiamento e prenderanno vita progetti dedicati alla comunicazione, divulgazione e diffusione della cultura digitale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.