Saccheggiati anche i database di Last.fm

Non si è ancora placato il clima d'allarme creatosi in seguito alla sottrazione di circa 6,5 milioni di password dagli archivi di LinkedIn che già in Rete circola la notizia di un altro attacco conclusoni con successo, quello sferrato contro i database della piattaforma musicale Last.fm.

Il noto servizio per lo streaming audio sarebbe stato infatti vittima di un crack in seguito al quale una porzione delle password memorizzate è stato reso praticamente pubblico; i gestori del servizio avrebbero già ammesso l'accaduto e consigliato la modifica immediata delle password.

Continua dopo la pubblicità...

I portavoce di Last.fm, pur senza alcun riferimento diretto, hanno paragonato l'episodio a quello che ha interessato il social network professionale precedentemente attaccato; attualmente sarebbero in corso delle indagini interne che chiariscano le dinamiche che hanno portato al crack.

Last.fm non ha diffuso notizie riguardanti il numero di account violati, ma in previsione di probabili iniziative da parte di utenti malintenzionati pronti a scatenare campagne di phishing, sarà opportuno effettuare quanto prima un reset delle proprie credenziali per l'autenticazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.