Sempre meno Desktop a causa dello smart working

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook: disponibili online i dati di 533 milioni di profili
  • SuccessivoAxios: registro elettronico bloccato da un attacco hacker
Sempre meno Desktop a causa dello smart working

Secondo i ricercatori di Gartner, uno dei nomi più affidabili in tema di analisi di mercato, nel corso dei prossimi mesi gli utenti acquisteranno sempre più frequentemente dispositivi come smartphone, tablet e laptop mentre diminuirà la domanda di PC Desktop. A determinare questa tendenza dovrebbe essere soprattutto la diffusione dello smart working.

Se tutto dovesse andare come previsto dalle stime effettuate, entro la fine dell'anno corrente dovremmo contare non meno di 6.2 miliardi di dispositivi in tutto il Mondo ed è ormai più che probabile una crescita fino a 6.4 miliardi entro il 2022. Percentuali alla mano, tra il 2021 e il prossimo anno l'incremento dovrebbe attestarsi sui 3.2 punti.

I nuovi assetti lavorativi che vedono un sempre maggiore ricorso agli strumenti per il remote working dovrebbero determinare un notevole aumento delle vendite di laptop e tablet, device che che hanno la caratteristica di poter essere utilizzati indipendentemente da dove ci si trova. Il numero di questi ultimi potrebbe crescere di altre 125 milioni di unità soltanto nel 2021.

Per la precisione, nel corso di quest'anno si dovrebbe registrare un incremento dell'8.8% per quanto riguarda il numero di laptot (da 796 milioni di unità del 2020 a 866 milioni), mentre per quanto riguarda i tablet si attende un aumento ancora più marcato, intorno ai 12 punti percentuali, con un passaggio da 479 a 535 milioni di unità.

Continua dopo la pubblicità...

Del tutto differente il discorso relativo ai tradizionali PC Desktop, questi ultimi infatti dovrebbero manifestare un decremento pari allo 5.1% (da 522 a 495 milioni di dispositivi). Ad incentivare la vendita di smartphone dovrebbe essere invece una diffusione sempre più marcata delle connessioni ultraveloci in 5G per le quali è prevista una moltiplicazione tra il 2020 e il 2021.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.