Sicurezza: Windows 7 su quasi un quarto dei PC

Sicurezza: Windows 7 su quasi un quarto dei PC

Attualmente oltre il 23% dei PC in funzione a livello mondiale sarebbe ancora equipaggiato con il sistema operativo Windows 7, piattaforma che La Casa di Redmond ha smesso di supportare ufficialmente il 14 gennaio 2020 rinunciando definitivamente al rilascio di nuovi aggiornamenti e patch per la correzione dei bug di sicurezza.

Questo significa che poco meno di un quarto dei terminali Desktop basati su Windows potrebbero essere esposti a vulnerabilità anche gravi. L'unico intervento di Microsoft in proposito consiste nel consigliare una migrazione quanto più rapida possibile a Windows 10, OS che riceve periodicamente tutti gli upgrade necessari a contrastare le ultime minacce rilevate.

I PC oggi ancora rimasti a Windows 7 dovrebbero far capo nella maggior parte dei casi a due tipologie: quella dei computer che appartengono a privati disinteressati a un passaggio a Windows 10 e quella delle macchine aziendali i cui utilizzatori non possono migrare a quest'ultimo per questioni legate ad applicazioni incompatibili o ai costi di aggiornamento.

Le notizie non sarebbero però tutte negative, le postazioni basate su Windows 10 hanno superato numericamente quelle dotate di Windows 7 a inizio anno, le prime sarebbero passate infatti da poco meno del 55% a poco più del 69% nel corso degli ultimi 12 mesi, mentre le prime avrebbero subito un calo dal 34% al già citato 23% nello stesso periodo.

Continua dopo la pubblicità...

Tra le aziende, quelle su cui Satya Nadella e soci puntano maggiormente per l'affermazione di Windows 10 come nuovo standard del mercato PC, è comunque diffusa la preoccupazione che una migrazione possa portare a un'interruzione del workflow, non sempre infatti gli aggiornamenti all'ultima release dell'OS garantiscono una transizione indolore.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.